OroscopO

 

 

CHI SALE & CHI SCENDE

 di Domenico Cugusi

 

 

 

Ariete

( I CITTADINI )

Per la pazienza, la cristiana rassegnazione , ed un misto di masochismo, con cui sopportano tutto quello che i vari governi adottano non per favorire lo sviluppo umano e sociale, non per elevare l’individuo, ma solo per imporre, in nome di una ragion di stato superiore, balzelli, tasse, decisioni che vanno contro l’individuo, il cittadino, l’essenza stessa dello Stato. L’imposta sulla casa, attraverso l’IRPEF, ( imposta redditi persone fisiche ), che si applica alla prima casa è una contraddizione nei termini, oltre ad essere un balzello iniquo e incomprensibile. Che reddito può produrre la prima casa di abitazione per uso personale ?, Solo spese ed oneri, non reddito su cui applicare un imposta. Eppure si paga l’Irpef… Così come l’imposta comunale sugli immobili ( ICI ). In nome del popolo si danneggia il popolo…Lo Stato non ci garantisce la casa, siamo costretti a costruirla con grandi sacrifici e pagando tutti gli oneri di urbanizzazione, ed invece di premiarci, ci punisce con tasse e balzelli odiosi. Si punisce il diritto di proprietà, si punisce colui che produce , favorendo la cultura assistenziale, del dovuto dallo Stato .Lo Stato e così tutti gli altri Enti locali, dovrebbero far pagare solo le tasse sull’uso dei beni comuni fatta dai cittadini.

 

Toro

( I GIOVANI )

Perché non hanno più sogni, non hanno ideali, non hanno voglia di essere i protagonisti della loro vita, e gli artefici del loro destino, perché si lasciano vivere dagli eventi, dalla noia, dall’apatia. Perché non hanno neanche illusioni né la rabbia e la voglia di battersi per cambiare il mondo. Perché non si indignano, non protestano, non hanno valori per cui lottare e ideali da realizzare. Il mondo va bene così come è, l’importante è sopravvivere, anche a se stessi.

GEMELLI

( I POLITICI )

 I politici si dividono in due specie : i politici del fare e i politici del dire. I politici del fare sono quelli che agiscono e realizzano i loro programmi, i politici del dire sono quelli che sopravvivono a se stessi, non agiscono, non realizzano nulla che possa essere di utilità alla collettività, perché esistono se non fanno, elargendo favori per avere poi in cambio il voto degli elettori riconoscenti. C’è da sperare che in futuro scompaiano i politici del dire e si rinforzino i politici del fare, dell’agire. Con la speranza che anche gli elettori propendano per chi ha idee, programmi e capacità per realizzarli.

 

CANCRO

( GLI IDEALISTI )

Sono questi tempi difficili per i sognatori, i poeti, e soprattutto gli idealisti. La vita impone come modelli da copiare, l’egoista e il razionale che pensa solo al profitto, alle ferie, alla pancia e alla palestra con la televisione incorporata nel cervello e il telefonino innestato al posto del cuore. I poeti e i sognatori vivono fuori dal mondo, fuori da questo tempo di fretta dove tutto si brucia in un momento. Tempi brutti per chi ha valori, idee, ideali, moralità ed etica. Il tempo ti fugge senza capire… In questo tempo di cafoni e di maleducazione diffusa, di insensibilità e arroganza, chissà se tornerà il tempo dei signori…

 

 

LEONE

( La televisione )

Lo strumento che ha impoverito culturalmente, eticamente, moralmente il pensiero umano. Ha tolto la voglia di pensare, di amare, di riflettere, di essere attivi e propositivi. La Televisione ha reso passivi, indolenti, ignoranti e superficiali gli individui. Ha regalato conoscenza stupida e superficiale a tutti, ha propinato e rappresentato una realtà diversa e distorta. Ha creato falsi miti, false ideologie, falsi profeti. Ha instupidito le menti e fatto morire i sogni e la fantasia. In troppi programmi si parla solo di sesso, si espongono i nudi, le volgarità e le bassezze più squallide, si entra nelle case e nell’intimità delle persone, nei loro problemi, mercificando anche i sentimenti. Anche nei programmi pseudo culturali si affrontano temi da frustrati, perversi e " malati " conduttori che riducono ogni argomento a misere disquisizioni sessuali, a pettegolezzo da comari, a battute volgari. Si impostano programmi vuoti senza contenuti, al solo scopo di elargire miliardi come fossero caramelle, senza un minimo di pudore e di etica, alla faccia di chi lavora quotidianamente con grande sacrificio per sbarcare il lunario.

  

VERGINE

( L’amore )

" Mi sono immerso in un mare d’amore.

Se morirò – saprai – che non sono vissuto inutilmente. " ( D. Cugusi )

 Basterebbe che tutti gli uomini fossero almeno un po’ innamorati che il mondo avrebbe meno guerre, meno liti, meno inimicizie, meno frustrazioni. Sarebbe un mondo di sorrisi, di allegria, di altruismo, di gioia e di predisposizione verso gli altri. Amore significa donarsi, offrire il meglio di se stessi, dare sempre il cuore e non pentirsi.

" La Bellezza – credo – dietro di noi più nulla che scompare,

l’assoluta mancanza di rimpianti." ( D. Cugusi )

 

 

 

BILANCIA

( LE DONNE )

 La vita, il sogno, la magia dell’esistenza. Ma anche la sofferenza, il duro e oscuro lavoro. Il mondo si regge grazie alle donne, alla loro capacità di educare, insegnare e tenere unita una famiglia. La Natura, talvolta il Fato, poche volte una Scelta, le ha costrette a dover sopportare l’uomo, la parte più insignificante e banale dell’esistenza, quell’essere inconsapevolmente immaturo e mammone, egoista, egocentrico e superficiale, che per il solo fatto di far finta di lavorare crede di poter decidere le sorti del mondo…meno male che le donne sono quelle che alla fine decidono, prendono le decisioni più importanti, impostano la vita che conta. Se poi lasciano credere all’uomo che sia lui a decidere…, è solo perché capiscono quanto siano stupidi gli uomini…. L’uomo che sebbene sposato, continua a fare la vita da scapolo : il bar, le carte con gli amici, la partita di pallone, la caccia, la discoteca di nascosto, le cene e le abbuffate, il circolo bocciofilo, la politica. Le donne pur di levarseli di torno consentono loro i giochi quotidiani come i bambini coi balocchi. Che il 2001 porti le donne a non sopportarli più, a prendere in mano le redini non solo della famiglia ma anche della vita sociale, economica e soprattutto politica, perché finalmente così , oltre alla parole degli uomini, si realizzino i fatti, con le donne. Per un mondo non più irrealizzato …

 

 

 

SCORPIONE

( LA LEGALITA’)

 

Che finalmente sia adottato in tutte le situazioni, in tutti gli enti pubblici , associazioni, istituzioni, uffici, il Principio di Legalità a cui tutti devono attenersi e rispettarlo. Che le regole siano certe, comprensibili, e soprattutto uguali per tutti, senza discrezionalità politiche, senza soggettivizazioni, deroghe od eccezioni che discriminano di fatto il più debole. Che vi sia certezza di diritto, che l’interpretazione non sia un paravento o peggio un alibi per mascherare favoritismi e interessi personali.

 

 

 

SAGITTARIO

( GLI ITALIANI )

Il popolo che ha segnato la storia dell’umanità, che è comunque sempre il protagonista della storia dell’uomo. L’Italia è il paese senza il quale non ci sarebbe la civiltà che conosciamo. E riusciamo comunque sempre a primeggiare grazie alla genialità di pochi, in tutti i settori , dallo sport all’imprenditoria, dall’arte alla scienza, dalla cucina alla bellezza, dalla natura alla storia. Siamo i primi in ogni pagina che è stata scritta del libro della civiltà. Dal secolo VIII a .C., dalla data della fondazione di Roma , la storia dell’uomo si è impregnata di romanità : l’alfabeto latino, la lingua parlata nel mondo conosciuto e civilizzato dai Romani, il diritto, le leggi, la politica, le strade, i ponti , gli acquedotti, monumenti, città, l’arte sublime, irripetibile. E poi il Rinascimento… . In nessuna altra parte del pianeta vi sono tutti i tesori di inestimabile valore che possiede l’Italia, e altri paesi " custodiscono " le nostre opere d’arte, i nostri reperti. E ne possediamo tanti che non è possibile neppure ammirarli tutti. La verità è che tutta l’Italia è un’opera d’arte. Il fatto è che noi non ce ne rendiamo perfettamente conto e non ci valutiamo per quanto valiamo, per quel che siamo, per quello che abbiamo, per una sorta di stupido complesso di inferiorità nei confronti degli altri popoli che non possiedono, in tutto il loro territorio, quanto noi abbiamo in un solo paese…

  

ACQUARIO

( I SARDI )

Un popolo, una nazione. Un modo di esistere, diverso. Uomini forti di granito e di silenzi arroccati in un pezzo di terra staccatosi dal paradiso prima del peccato originale.

 

PESCI

( LA FEDE )

 

Se anche quelli che non hanno fede, mettessero in pratica i Comandamenti Cristiani, il mondo sarebbe perfetto, il Paradiso lo vivremmo sulla terra. Non più leggi, polizia, carceri, tribunali.

Onora tuo padre e tua madre, Non uccidere, Non commettere adulterio, Non rubare, Non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo, Non desiderare la casa o la donna d’altri, o qualsiasi altra cosa appartenga al tuo prossimo. Vi pare vi siano leggi così complete e chiare, comprensibili da tutti come le leggi ispirate da Dio a Mosè ? Ma vi pare che servano leggi diverse da questi precetti onnicomprensivi, per vivere serenamente in pace con gli altri e con se stessi e la propria coscienza ? Sarebbe sufficiente che prima di porre in essere qualunque azione pensassimo ad uno dei più importanti insegnamenti di Gesù Cristo " Non fare agli altri quello che non voi sia fatto a te " Auguriamoci un mondo dove il pensiero preceda l’agire e l’agire sia conseguenza della propria buona coscienza .